La rivista quadrimestrale a carattere scientifico e professionale
si rivolge a insegnanti, dirigenti scolastici, operatori dei contesti educativi e formativi,
psicologi dello sviluppo, dell’educazione e della formazione e vuole essere
espressione della ricerca psicologica nell’ampio e variegato settore educativo

Gianni Nuti

Il contributo intende sostenere il valore transdisciplinare della comunicazione sonoro-musicale all’interno di un modello di scuola multidimensionale, disponibile a adottare più strumenti trasmissivi e traspositivi per promuovere l’apprendimento e aperta all’intersezione creativa tra singole aree disciplinari. In una prospettiva neorinascimentale di recupero di corrispondenze sistematiche tra arti e scienze, si promuove una ricomposizione dei saperi computazionali e simbolici, logico-razionalistici ed empirici, riconoscendo alla pratica artistica lo stesso scopo di ricerca delle ragioni di senso e di evoluzione dell’esistere attribuito al pensiero scientifico e permeando tutte le strade per i saperi di una consustanziale presenza di misura ed emozione, di calcolo e costruzione di legami affettivi tra persone e cose. Si suggeriscono, come punti trasversali di contatto: il riconoscimento di profili di corporeità, di musicalità dei comportamenti esperiti dalla specie umana in ogni epoca e luogo con stili differenti, individuali e collettivi; la relazione tra il tempo della musica e quello esistenziale, la lotta simbolica contro lo scorrere e la fine delle cose e delle forme di vita. Di tutto questo è fatta la musica e perciò non può essere considerata una tra le “educazioni”, ma una strada possibile per comprenderle tutte.


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.