La rivista quadrimestrale a carattere scientifico e professionale
si rivolge a insegnanti, dirigenti scolastici, operatori dei contesti educativi e formativi,
psicologi dello sviluppo, dell’educazione e della formazione e vuole essere
espressione della ricerca psicologica nell’ampio e variegato settore educativo

Giuliana Pinto

Il funzionamento scolastico vede una differenziazione tra il modo in cui, nelle varie scuole, sono applicati varie concezioni dell’apprendimento e approcci educativi. In particolare varia il peso attribuito al lavoro di apprendimento individuale e quello collaborativo. Allo scopo di meglio orientare tali scelte, è utile verificare che processi sottendono l’apprendimento individuale e quello cooperativo, in relazione a uno specifico obiettivo: lo sviluppo delle capacità di mentalizzazione nel contesto scolastico. La ricerca qui riportata mira a verificare in quali condizioni, individuali vs diadiche, un’attività di apprendimento promuove lo sviluppo della mentalizzazione in studenti della scuola primaria. Le narrazioni individuali e quelle prodotte in coppia da 80 studenti di scuola primaria sono state analizzate in termini di competenza narrativa e uso del lessico psicologico. Le interazioni fra i partner delle coppie sono stati analizzati in termini di modalità interattive, funzioni comunicative, sequenze interattive e uso di lessico psicologico nelle narrazioni. I dati confermano che le pratiche didattiche influenzano le attività di mentalizzazione degli allievi sin dai primi gradi della scolarizzazione. I risultati vengono discussi per le loro implicazioni per il lavoro dell’insegnante.


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.